testata per la stampa della pagina

Progetto Comicent - Attività dell'Ufficio

 

Per l'importanza del settore floricolo riconosciuto trainante dell'economia pesciatina e considerato anche la crisi strutturale che lo attanaglia da tempo, l'Amministrazione Comunale stabilì con atto GC del 27 agosto 2009 n. 207, di conferire al proprio dipendente Dr. Fabrizio Salvadorini incarico di alta specializzazione per:
1)     l'elaborazione del progetto di gestione per l'utilizzo multifunzionale del Comicent;
2)     l'assistenza ad ogni procedura di affidamento, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge, della gestione a terzi del mercato dei fiori;
3)     il successivo controllo tecnico organizzativo delle commercializzazioni fino alla messa a regime del mercato dei fiori;
4)     ogni altra problematica inerente il Comicent, ivi comprese le tematiche attinenti l'eventuale acquisizione dell'immobile.
Con successiva deliberazione GC del 25 marzo 2010, n. 92, nell'ambito dell'organizzazione complessiva del Comune in termini di struttura, venne deciso di assegnare il funzionario titolare dell'incarico sopra indicato alla diretta dipendenza funzionale del Sindaco, individuando come sede di lavoro un ufficio presso il Comicent stesso.
Il comune di Pescia ha tra le proprie finalità istituzionali lo svolgimento di alcuni servizi tra i quali può rientrare anche quello di mercato all'ingrosso dei fiori di Pescia, perché istituito da molto tempo dal Comune stesso e ritenuto ancora oggi necessario dall'Amministrazione (pur con le condizioni di incertezza sulla proprietà dell'immobile e sulle prospettive imprenditoriali, vista la perdurante grave crisi del settore floricolo), per favorire una peculiare attività agricola del territorio pesciatino. Funzione peraltro storicamente svolta direttamente dal Comune a partire dagli anni '30 del secolo scorso, esternarlizzata nel 1988 e adesso, a causa del dissesto economico in cui si è trovato il Consorzio di gestione del mercato dei fiori, da riportare sotto la gestione comunale. Con tutte le problematiche conseguenti in termini di servizi pubblici locali dettate dal fluido quadro normativo attuale.
Il Centro di Commercializzazione dei fiori dell'Italia Centrale (Comicent) con sede a Pescia, in Via Salvo D'Acquisto 10/12, realizzato dal Ministero dell'Agricoltura come impianto di particolare interesse pubblico, assieme ad altri 34 in 13 regioni italiane diverse, è stato oggetto di trasferimento alla Regione nel 2005. Sulla questione immobile la volontà della Regione Toscana è stata quella, peraltro manifestata attraverso apposita legge, di legare la proprietà al finanziamento necessario ed il Comune sta discutendo con la Regione sulle modalità di erogazione del contributo di 10 milioni di euro promesso a seguito di presentazione di apposita proposta di valorizzazione multifunzionale del complesso immobiliare del Comicent.
L'immobile necessita comunque di interventi oramai non più procrastinabili sulle parti in cemento armato e acciaio e di ammodernamento impiantistico e logistico, oltre alle verifiche sullo stato di conservazione delle strutture. Al riguardo nell'attesa che la Regione dia corso alla variazione del bilancio regionale nel senso auspicato e quindi sia deliberato il contributo globale concesso al comune di Pescia nelle sue annualità con le correlate modalità d'erogazione, realizzando successivamente il trasferimento dell'immobile, la Regione sta valutando la possibilità di erogare la somma di 500.000,00 euro al Comune, come anticipazione dei fondi della LR 57/2009, per l'esecuzione dei primi urgenti lavori di sistemazione di parti dell'immobile, sulla base di un elenco elaborato nel mese di marzo 2011 dall'ufficio Comicent del Comune stesso, tenuto conto di quanto evidenziato dai vari tecnici che si sono espressi sull'immobile dal 2008 ad oggi.
L'ufficio Comicent nel 2011 dovrà seguire inoltre le procedure per la costituzione di un soggetto gestore del servizio pubblico di mercato all'ingrosso dei fiori, tenuto conto del parere dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e le fasi del passaggio di gestione e della fine della liquidazione, continuando nella collaborazione con il Commissario Regionale incaricato anche della gestione del servizio.

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO