testata per la stampa della pagina
condividi

 
 
 

Oasi Sicura

 
 
immagine

A Pescia l'"Oasi Sicura" , parco riservato ai disabili mentali insieme alla Pubblica Assistenza

Giurlani e Grossi: " Uno spazio dedicato al benessere di queste persone in difficoltà"

 
 
 
 



La continua ricerca di soluzioni per i vari problemi della Città in questa fase di emergenza sanitaria ha portato la giunta municipale guidata dal sindaco Oreste Giurlani a varare un provvedimento, insieme alla Pubblica Assistenza di Pescia,  che sicuramente sarà accolto con grande sollievo dalle famiglie che seguono un disabile mentale .  

Su proposta dell'assessore al sociale Fiorella Grossi e il voto unanime della giunta, è stata approvata la creazione dell'Oasi felice, uno spazio dedicato all'attività motoria di soggetti affetti da disabilità intellettiva, disturbi allo spettro autistico e patologie psichiatriche.  

L'iniziativa Oasi Sicura , che vede la stretta collaborazione fra l'ente municipale e la Pubblica Assistenza di Pescia, prevede la prenotazione al numero telefonico 0572476830 e l'accesso sarà appunto riservato a queste persone in possesso della certificazione sanitaria che attesta le patologie per le quali la struttura sarà esclusivamente riservata.

Le visite, composte da due persone, si svolgeranno il lunedì e venerdì dalle 9 alle 12 e il martedì e giovedì dalle 15 alle 18.

Il servizio partirà lunedi 11 maggio.   "Fra le varie esigenze emerse in questo difficile momento, c'era quella delle famiglie al cui interno c'è un disabile psichico- dicono Oreste Giurlani e Fiorella Grossi-. Per motivi diversi e facili da comprendere, per loro le difficoltà che ci sono per tutti gli altri si amplificano. Per questo, insieme alla Pubblica Assistenza, abbiamo riservato un parco interamente a loro, in modo che possano passeggiare e godere del verde in assoluta tranquillità e sicurezza. Per noi solidarietà è pensare  a tutti e siamo veramente soddisfatti di avere trovato la collaborazione di questa prestigiosa associazione onlus per dare vita a questo progetto sociale".

 

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO