testata per la stampa della pagina
condividi

 
 
 

Mercato Floricolo di Pescia: un quaderno di idee per il futuro

Martedì 21 maggio al MeFiT un focus group di esperti di vari settori a confronto

 
 
pescia
 

Dal marketing alla comunicazione, dal confronto con altre realtà simili alla logistica per l'Italia e l'estero. Il MeFiT di Pescia ha promosso un tavolo di lavoro di esperti di vari settori per dare vitaa un quaderno di idee per il rilancio del comparto. Una giornata aperta all'ascolto con una programma intenso.

Quale direzione per il mercato dei prodotti floricoli? Come orientare il consumatore alla produzione ottimizzando domanda-offerta? Pescia può fare la differenza a livello internazionale nel mercato dei fiori? Se sì quali le strategie migliori? Sono solo alcune delle domande allequali un gruppo di esperti cercherà di dare risposta in un focus group in programma per martedì 21 maggio, all'interno del Mercato dei fiori di Pescia. Voluto e promosso dal MeFiT di Pescia, il tavolo di lavoro vedrà seduti insieme alcuni professionisti di vari settori, a partire proprio da quello floricolo, passando poi per la comunicazione agroalimentare, la sociologia del turismo, il marketing del vino e la logistica. «Il confronto tra esperienze maturate inambiti diversi dovrà favorire possibili interazioni ed integrazioni», dice Antonio Grassotti Amministratore MeFiT. Obiettivo di questo incontro, che rientra in una serie di azioni di rilancio del Mercato, sarà quello di dare vita a un vero e proprio "Quaderno di idee" che potranno essere utili per future azionitrasversali finalizzate alla crescita del mercato floricolo diPescia.
Tra gli obiettivi inoltre quello di condividere esperienze di professionisti di vari settori; cercare spunti di riflessione sulle potenzialità del settore; individuare elementi di marketing e promozione; stringere collaborazioni con altre realtà, a partire dal mondo scientifico, per migliorare la rete di conoscenze.


Il programma. La giornata, in programma nell'auditorium del Mercato, partirà dalle 10 con l'inizio del tavolo di lavoro. In questa fase l'accesso è aperto a tutti gli interessati all'ascolto delleriflessioni, senza la possibilità di intervenire direttamente. Alla ripresa dei lavori, prevista per le 14, ci sarà la possibilità di intervenire con un contributo a margine delle idee emerse al mattino.


Il MeFiT di Pescia. L'area attualmente gestita dal MEFIT (Mercato Fiori Toscana, AziendaSpeciale del Comune di Pescia) ha un'estensione di oltre otto ettari, di cui 25 mila mq circa di superficie coperta occupati dalla sede del mercato; circa 13 mila di superficie a verde, 3.000 circa di superficie occupata da Villa Puccinelli e relativo parco; Mq. 3.700 circa di superficie occupata da Villa Vitali con relativi annessi eparco; Mq. 1.700 circa di superficie occupati da casa Pellegrini erelativa resede di pertinenza; Mq. 3.000 circa di superficie occupatadalle serre dei vivaisti. L'attività di Mercato si svolge al piano rialzato della platea con le contrattazioni aperte dalle ore 5,3 0alle ore 8,00 di mattina, proseguendo poi negli spazi assegnati dagli operatori ed è aperto ai soli operatori professionali. Il Mercato dei Fiori di Pescia ha registrato al 31 dicembre 2018, 659 aziende ufficialmente iscritte con un incremento rispetto all'anno precedente del 6,5% (659 contro 616). Le aziende iscritte risultano suddivise tra produttori (241), commercianti (318) -in aumento i commercianti acquirenti giornalieri-, trasportatori (23) ed attivitàcorrelate (77). Analizzando il dato dei produttori agricoli che hanno frequentato il mercato nel corso dell'anno, si osserva che ititolari delle aziende agricole, suddivisi per fasce di età, per il 60,6% circa hanno un'età compresa tra 23 e 60 anni, per il 21,2%un'età tra i 61 ed i 70 anni e per circa il 18,0% un'età superiore(il più anziano ha 88 anni). La fascia dei giovani agricoltori, fino a 40 anni, che dovrebbero essere il futuro del settore, rappresenta solo il 6,6% degli iscritti. Per quanto riguarda i produttori, il 99%circa arriva dalla Toscana, oltre il 68,0% dalla provincia di Pistoiae il 27,8% da quella di Lucca. Le aziende che hanno la sede nel comune di Pescia costituiscono oltre il 52% del totale. Nel 2018 il volume d'affari alla produzione è risultato pari a 38 milioni e cinquecentocinquantamila Euro, con un incremento di circa 800.000 euro rispetto all'anno precedente.





Il programma della giornata

 

Pescia,16 maggio 2019
Quale futuro per il Mercato dei Fiori di Pescia?


Pescia, MeFiT, 21 maggio 2019


9.45 Inizio lavori
10.00 Saluti istituzionali (Presidente MeFiT e Sindaco di Pescia)
10.30 Focus Group

Partecipano:

Alessandro Maurilli, moderatore


* Silvia Scaramuzzi - Docente Università Firenze - Studiosa del settoreagricolo
* Chicco Pastorino - Esperto settore artigiano-floricolo
* Franco Barbagelata - Direttore Mercato dei Fiori di Sanremo
* Emilia Sarno - Università Pegaso - Esperta di sociologia del turismo e deiterritori
* Fabrizio Diolaiuti - Giornalista - Esperto in comunicazione
* Maddalena Mazzeschi - Esperta marketing
* Alberto Margheriti -Esperto di designer e progettazione giardini
* Davide Aloini - Polo universitario sistemi logistici Livorno - Esperto dilogistica settore floricolo

13.00 Light lunch

14.00 Interventi istituzionali e programmati

16.00 Chiusura dei lavori


 
 

 
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO